Vai al contenuto

(brossura, 348 pag., 15€, Caffèorchidea)

Uno dei più noti incipit della storia della letteratura diceva più o meno che "tutte le famiglie felici si somigliano, ma ogni famiglia infelice lo è a modo suo". Le famiglie che popolano questo romanzo, più o meno centralmente, più o meno parzialmente, sono infelici ciascuna a suo modo e qualcuna anche a propria insaputa. I componenti della famiglia Minenti, o sarebbe più giusto dire "Delle" famiglie Minenti, sono infelici ognuno a modo suo. La vicenda ruota intorno a Nabel, figlia più piccola del professor Lucrezio Minenti, scienziato stimato, fisico teorico di fama mondiale, e Anna Pan, donna in carriera dal carattere forte e risoluto, la figlia maggiore è Lulù Minenti. Questo accade in Italia. In Germania vive invece la seconda famiglia Minenti, Hector, l'unico figlio, ha la stessa età di Nabel, sono nati nello stesso anno, a poca distanza l'uno dall'altra, e i loro caratteri si completano, le loro ambizioni e doti si accoppiano rendendo le mancanze di ciascuno, tessere del puzzle che formano il disegno completo dell'altro. Il concetto appare forse un po' fosco detto così, ma vi assicuro che tra le righe di questa storia risulta tutto molto più semplice.

Nabel scopre solo nella maggiore età di avere un fratello nato da una relazione del padre che lei ignorava. Non è uno spoiler, questo accade nelle prime pagine, quindi niente paura 🙂 E' proprio Hector a cercarla in Italia. Dopo questa rivelazione Nabel non sarà più la stessa; inizierà dentro di lei un percorso interiore alla ricerca di una stabilità, di risposte che non troverà mai o che, forse, aveva sempre custodito in fondo al suo cuore. Nabel ama scrivere, ma non sopporta che la gente legga ciò che scrive, così cancella. Cancella ogni parola dall'ultima alla prima, in un percorso a ritroso che non è solo l'atto di eliminare delle parole da un foglio, ma una continua rielaborazione della propria interiorità, una straziante ricerca di sè affidata a parole che mai arriveranno al destinatario. Hector è un artista eclettico, quello che Nabel non riesce ad esternare, lui non riesce a tenere dentro di sè. Membro di un gruppo artistico chiamato Orchestrart, vive dove capita, dove l'arte chiama il suo talento, anche lui alla ricerca di sè, una ricerca che lo porterà inevitabilmente a Nabel. Ma poi arriva Marcus, e gli equilibri si fanno incerti, una nuova rivelazione incredibile, un uomo disposto a tutto per far parte di un esperimento scientifico unico, per diventare il primo crononauta della storia; e tenta in ogni modo di arrivare a Lucrezio Minenti, che pare sia impegnato segretamente ai lavori sulla macchina del tempo. Gli eventi si susseguono incalzanti, tra l'Italia, la Germania e Londra, tre luoghi distanti ma come in universi paralleli, affiancati e presenti l'uno all'altro attraverso Nabel, Hector e Marcus. E il finale è scritto tra le stelle...

Giulia Bracco ha una scrittura fluida e concreta, capace di tratteggiare in poche righe anche situazioni complesse, ma al momento giusto lasciare all'immaginazione del lettore ciò che verrà dopo, quasi a prenderlo per mano, accompagnarlo fino alla soglia e poi lasciarlo libero di entrare da solo. Ho molto apprezzato la caratterizzazione sapientemente poliedrica dei personaggi, mostrati in vari momenti emotivi assolutamente coerenti con il loro nucleo centrale. Sono "vivi", ci si affeziona a loro senza riserve, si sprofonda nella storia e se ne esce alla fine solo dopo una forte successione di emozioni. Dico sul serio, non capita spesso che un libro tocchi corde così sensibili da far vibrare nel profondo, questo l'ha fatto.

Martin Amis diceva che mentre scriviamo qualcuno ci sorveglia: la madre, il maestro, Shakespeare o Dio? In questo libro c'è tutto, basta mettersi comodi e iniziare a leggere.

Ieri sera, come tutti gli anni in questo periodo, al Ninfeo di Villa Giulia è stato assegnato il Premio Strega 2018. La vincitrice (ebbene si, dopo 15 anni torna a vincere una donna) è Elena Janeczek con il suo "La ragazza con la Leica". Ecco la cinquina e i rispettivi voti:
 
1 - Helena Janeczek "La ragazza con la Leica" 196 voti
2 - Marco Balzano "Resto qui" 144 voti
3 - Sandra Petrignani "La corsara - ritratto di Natalia Ginzburg" 101 voti
4 - Carlo D'Amicis "Il gioco" 57 voti
5 - Lia Levi "Questa sera è già domani" 55 voti

Complimenti Helena!!!

(brossura, 264 pag., 15€, Edizioni Black Coffee)

Le donne che Mary Miller ci presenta nei suoi racconti sono donne comuni, con vite come tante; che soffrono, amano, odiano, sperano, piangono e ridono come tutte le donne di questo mondo. In una normalità assordante. Pezzi di vita stesi al sole ad asciugare, mentre si assiste ad un viaggio tra le strade d'America, dove le storie di queste donne prendono forma, mutano, si sciolgono, a volte si addensano; sempre in una normalità che spaventa da quanto sia crudele. Talvolta si ha anche l'impressione che sia la stessa storia che prosegue dietro tutti i loro volti, tutte indaffarate a sopravvivere nel modo migliore, a raddrizzare una vita storta perché storto è il mondo che le accoglie, ad espiare le colpe dell'umanità nelle loro fragili esistenze.

Donne che attendono il ritorno del fidanzato e intanto ricevono istruzioni su come cambiare la lettiera del gatto in sua assenza, altre che non sopportano la propria coinquilina e spariscono sul tetto della casa per stare sole, altre ancora che cercano di apparire perfette agli occhi dei suoceri in una crociera lussuosa, insegnanti che si innamorano dei propri allievi e che li ospitano nella loro villa, donne divorziate con figli affidati in comune col padre, donne che lavorano in comunità per bimbi e ragazzi difficili... E poi donne "comprate" da amiche ricchissime per accompagnarle nei propri viaggi di piacere, donne con un rapporto non troppo facile con le sorelle... E altre ancora, tutte con la loro storia che in poche pagine ve le farà diventare amiche, come se le conosceste da una vita, come se oltre a quanto scritto, conosceste anche molte altre cose di loro, perché questa è la forza di Mary Miller, il non detto, il sottinteso.

Sono racconti brevi, che si leggono come bere un bicchiere d'acqua, ma che lasciano nella gola una sensazione di bruciore, come quella lasciata da un whisky troppo invecchiato bevuto liscio. Mary Miller ha la capacità di farci entrare in sintonia con un mondo che tutto sommato è molto distante da quello che viviamo quotidianamente, ma che attraverso le storie di queste donne, si intreccia con una realtà a noi ben nota. Le strade di New York sono fatte di asfalto come le nostre, e dall'asfalto fumante di estati torride e polverose arrivano gli echi distanti di storie comuni a tutte le donne del mondo.

Un libro che ho deciso di leggere perché incuriosito appunto dal tema trattato; non è il classico libro "per donne" che parla "di donne"; questo è un testo che può e deve interessare anche noi uomini, forse per conoscere un po' meglio le donne che ci stanno accanto, per capirle e magari entrare un po' di più in sintonia con il loro mondo. Vabbè, forse esagero, però un po' di curiosità spero di avervela trasmessa 🙂 Mary Miller è una scrittrice giovane che sa il fatto suo, con una prosa asciutta e lineare sa colpire in poche pagine e disegnare un mondo intero tra le righe. Ah, il libro Mary Miller lo dedica a tutti i suoi ex, e nel farlo li ringrazia di tutto il materiale che questi ultimi le hanno fornito per questo libro e per molti altri a venire! 😀
Un'ottima scoperta da un'altrettanto ottima casa editrice indipendente che vi consiglio caldamente di seguire!

Ho deciso di aspettare almeno una settimana prima di scrivere questo articolo perché volevo farlo "a mente fredda" e non lasciarmi trasportare dall'entusiasmo di quelle ore; ma devo dire che, anche a distanza di ormai 8 giorni dalla chiusura, l'entusiasmo resta quasi intatto, pertanto eccovi il mio resoconto approfondito e ragionato sui miei quasi due giorni di Salone del Libro 🙂

Venerdì 11 inizia il mio Salone. Quest'anno ho voluto fare anche una scelta più ecologica (ed economica) e raggiungere il Lingotto con i mezzi; quindi sveglia all'alba, zaino (trolley) in spalla e via verso la stazione a prendere il treno! Scendendo a Porta Nuova con la metro poi è un attimo e si è subito davanti all'ingresso del Lingotto. Risparmio per le mie tasche: circa 40€ (benzina, autostrada e parcheggio) che, naturalmente, reinvestirò in.... Libri!!! 😀 Ritiro il pass allo sportello e via! Una volta dentro vengo assalito da quel profumo inconfondibile. Quell'effluvio di carta stampata che noi bibliofili conosciamo bene (e meno male che non fanno anche i deodoranti "eau de libro" perché sarebbe di certo nel nostro bagno 😀 ) Ma lasciamo perdere gli aromi e i sapori e andiamo avanti con cose più serie. Quest'anno i padiglioni erano addirittura 5, oltre ai "soliti" 1,2,3 e 5 (Bookstock), è stato allestito anche un padiglione più piccolo, denominato "4", dove sono stati situati alcuni espositori e il "Caffè letterario", dove ho assistito ad un bellissimo evento, ma andiamo per gradi...

Giusto un corridoio del primo padiglione, e arriva il primo acquisto. Edizioni Black Coffee è una piccola casa editrice indipendente di Firenze, che dedica le sue edizioni alla letteratura nordamericana. E lo fa in maniera egregia. Attiva da poco più di un anno ha già stampato parecchi titoli interessanti e in un formato accattivante e di pregio. Provare per credere! Io mi sono accaparrato "L'alfabeto di fuoco" di Ben Marcus (ce l'avevo in wishlist), e "L'ospite d'onore" di Joy Williams (quando l'ho visto non ho potuto resistergli!), in omaggio ho ricevuto la shopping bag di quest'anno. Vedete tutto nella foto qui a fianco! I ragazzi della casa editrice sono simpatici e disponibili! Se vi capita fateci un giro e non ve ne pentirete! 🙂

Certo, se dopo 10 minuti scarsi ho già speso il 20% del mio budget giornaliero è meglio che mi trattengo un po', altrimenti sarà dura arrivare a sera 😀 Faccio un salto al Libraccio, così, per rilassarmi un po' (ehm...), e a dire il vero non c'è la solita confusione (non ancora almeno), e si riesce a girare abbastanza bene tra le corsie. Faccio il bravo e acquisto solo una copia ancora sigillata de "La tregua" di Primo Levi a metà prezzo. Ottima ripresa dopo l'acquisto Black Coffee! Nel pomeriggio avrò modo di ritornare in zona Libraccio e posso quindi confermare che sì, come tutti gli anni è impossibile entrarci senza usare la forza! Purtroppo il grosso "difetto" di questo stand è la praticabilità: le corsie sono strette, c'è poco spazio per muoversi, e se siete dotati di zaino, addio... Io con il trolley sono riuscito bene o male a districarmi, complice l'ora ancora poco affollata, ma in altre situazioni negli scorsi anni ho persino rinunciato ad entrarci. Da visitare appena si arriva al mattino! Segnatevelo 🙂

Alle 11,30 mi aspetta il primo dei tre incontri cui assisterò quest'oggi: "Un giorno tutto questo sarà fantastico" Hoffmann e Lovecraft raccontati da Marco Peano e Matteo Galli. Su questo evento non spenderò troppe parole, ma vi rimando al video che ho realizzato (in fondo all'articolo, clicca qui!) Ringrazio Marco per avermi fatto una dedica sul suo volume sul Maestro di Providence e per il terrificante selfie che mi ha concesso 🙂 Una bella scoperta per me invece Matteo Galli e il suo lavoro su Hoffmann che senz'altro approfondirò in futuro... Si tratta di una pubblicazione di tutte le opere di E.T.A. Hoffmann ritradotte con corredo di note e commenti di approfondimento, in una collana denominata appunto "Hoffmanniana". Date un'occhiata al sito de L'Orma Editore per ulteriori informazioni a riguardo!

Ora ho un po' di tempo prima del prossimo evento sul mio programma, quindi mi rimetto in cammino. Zigzagando tra gli stand, raggiungo uno dei miei prediletti, ovvero quello della Marcos y Marcos, dove anche quest'anno faccio il mio bell'acquisto 🙂 Ah, Jack Ritchie! Leggere questo autore è una goduria! Come scrive lui non scrive nessuno! Le sue trame poi sono davvero geniali! Ma ve ne parlerò in un articolo a parte... Comunque ho recuperato ciò che vedete in foto, ovvero altri due suoi titoli che mi mancavano della collana minimarcos (quelli più economici... sempre per non alleggerire troppo le mie povere tasche!): "Un metro quadrato di Texas" e "La vittima dell'anno". Sto già pregustando il momento in cui li leggerò! I ragazzi dello stand mi hanno omaggiato anche di un taccuino con la copertina del prossimo libro in uscita di Michael Zadoorian "Beautiful music". Un pensiero davvero gentile e originale che ho molto apprezzato! (essendo io anche un maniaco di taccuini 😀 ) Grazie ragazzi! 🙂

Dopo un pasto veloce consumato seduto a terra mentre controllo i vari social, si vola al padiglione 4, dove al Caffè Letterario va in scena alle 13,30 l'incontro "Un'ora con... Vanni Santoni" autore de L'impero del sogno (di cui vi ho parlato proprio pochi giorni fa in questa pagina). Anche in questo caso ringrazio Vanni per il selfie e per la dedica sulla mia copia del libro... Anche se devo ancora capire cosa ha scritto (ha utilizzato l'alfabeto runico... mi pare... si, è un tipo un po' strano 😀 ) Come prima, se volete vedere subito il video cliccate qui!

Bene, a questo punto ho un'altra ora prima dell'ultimo incontro della giornata, e la voglio ottimizzare al massimo! Dunque, per chi non lo sapesse, la Black Coffee (di cui ho parlato poco sopra), è nata come una collana delle Edizioni Clichy, altra casa editrice molto, molto interessante. Poi per varie vicissitudini interne, c'è stata una scissione che ha portato la Black Coffee a nascere ed evolversi come casa editrice a se stante, e la precedente collana Clichy rinominarsi Rive Gauche. Questa premessa per dirvi che, transitando appunto dallo stand della Clichy, ho notato uno scaffale con i vecchi titoli della "vecchia" Black Coffee a 2x1... Cioè, prendi 2 paghi 1... Se non avessi fatto già acquisti e non avessi avuto la certezza di doverne fare altri, avrei saccheggiato quello scaffale! Invece mi sono limitato a due soli titoli: il primo è "Last days of California" di Mary Miller, un'autrice di cui ho già letto una raccolta di racconti (Black Coffee appunto) di cui vi parlerò a breve; questo è il suo romanzo d'esordio ed ero molto curioso di leggerlo; il secondo invece di cui non ne sapevo proprio nulla, mi ha ispirato da titolo e copertina; "Lince rossa e altre storie" di Rebecca Lee. Amo i racconti, amo questa casa editrice, quindi amerò anche questo libro, ne sono abbastanza certo 🙂 E poi, visto che uno era in regalo... 😀

Un'altra delle mie case editrici indipendenti preferite è senza dubbio la Del Vecchio Editore, che anche quest'anno ho visitato con immenso piacere acquistando due titoli: "Tutameia - terze storie" di João Guimarães Rosa (raccolta di brevissimi racconti ancora inedita in Italia che da quel poco che ho letto sarà tosta, ma tanto tosta!) e "Ho sposato mia nonna", di Tito Pioli, tutt'altra aria rispetto a Rosa: qui mi aspetto un romanzo divertente e strampalato ma costruito con grande sapienza ed eleganza. Voglio spendere due parole per i libri della Del Vecchio, perchè oltre ad essere solitamente dei titoli di tutto rispetto, sono anche degli "oggetti" artistici secondo me di gran pregio. Oltre alle grafiche sempre brillanti e di alto livello, anche la carta utilizzata, per copertina e pagine, si attesta su livelli altissimi. I ragazzi della Del Vecchio poi sono sempre disponibilissimi e gentilissimi, e dopo aver scambiato quattro chiacchiere sui loro titoli, mi hanno riempito di segnalibri (molto belli peraltro) facendomi anche un po' di sconto, quindi: grazie!!! 😀

Dopo la Del Vecchio il trolley inizia ad essere parecchio gonfio e devo per forza utilizzare anche lo spazio esterno, infilando attorno all'asta/maniglia un paio di sacchetti che non hanno trovato posto all'interno... Ma c'è ancora tempo, quindi dopo un altro giro tra le corsie affollate, vengo attirato da una copertina a mio avviso bellissima allo stand della Neo. edizioni. Trattasi di "Vinpeel degli orizzonti" di Peppe Millanta. Non so niente né del libro né dell'autore. Leggo nell'aletta al fondo che si tratta di uno pseudonimo nato per mascherare la sua vera identità durante l'attività eversiva svolta ai tempi dell'università. Avvocato per 12 ore (giusto il tempo della foto di rito e cancellarsi dall'albo), diplomato in drammaturgia e sceneggiatura; fa il musicista di strada, vince premi letterari per narrativa e teatro, fonda una band di world music... E tante altre cose! Insomma, un personaggio molto singolare direi, e questo è il suo esordio: ragione in più per portarlo via con me! E poi guardate che copertina! Ma quanto è bella? 🙂

Ma sono quasi le 15,30, e io devo andare all'Arena Bookstock per assistere all'incontro "Montagne e frontiere" con Matteo Righetto e Mauro Corona. Purtroppo non riesco ad essere nelle prime file questa volta, quindi il filmato non è eccezionale, ma si lascia vedere; perciò se volete lo trovate sempre al fondo dell'articolo o cliccando direttamente qui 🙂 Mauro Corona l'ho visto già diverse volte, mentre Matteo Righetto no, e siccome è uno scrittore che ho imparato ad amare (e presto ve ne parlerò), sono qui principalmente per lui! Ho portato da casa i due suoi libri che posseggo e a fine incontro vado a farmeli firmare e a "rubare" anche a lui un selfie. Purtroppo a causa dell'illuminazione "rossastra" dell'Arena non viene troppo nitido, ma pazienza 🙂 Modificato un po' è comunque accettabile! Grazie Matteo e complimenti 🙂

Sono passate le 16,30 e ormai è quasi ora di tornare a casa... Faccio ancora un giro veloce alla ricerca di una casa editrice che ho sempre "puntato" ma di cui non ho mai letto e acquistato nulla. Trattasi della Hacca edizioni, e questa volta ho deciso che voglio anche un loro titolo! Sbircio allo stand, soppeso varie opzioni, ma alla fine scelgo un titolo che non è ancora ufficialmente uscito ma lo sarà a giorni, ovvero "L'inarrestabile ascesa di Turi Capodicasa", libro dalla trama molto interessante: parla di Turi, appunto, uomo africano tra i trenta e i quaranta, cresciuto in isolamento in una villa siciliana con la madre adottiva. Dopo la morte della donna esce finalmente di casa ed entrando in contatto con i politici locali e l'alta società, viene scambiato per quello che non è, diventando in breve l'uomo più importante e più ricercato del paese, in un'ascesa inarrestabile... Intrigante direi 🙂 Sicuramente ne succederanno delle belle! Anche la Hacca come la Del Vecchio cura molto le sue edizioni nel packaging (oltre che nei contenuti, ovviamente), e se non li conoscete, alla prima occasione rimediate!

Chiudo il mio giro ritornando allo stand della Pidgin edizioni, piccolissima (per ora) casa editrice nata lo scorso Settembre, che avevo visitato la mattina, poco dopo l'ingresso al Salone, ma da cui non avevo preso niente proprio perché ero appena entrato e non volevo subito mettere mano al portafogli 😀 Ma la mia promessa fatta "torno più tardi, ora sono appena entrato" l'ho mantenuta, e il ragazzo dello stand è stato gentilissimo ad illustrarmi i 3 titoli in catalogo e a parlarmi un po' della loro realtà. Ho scelto "Mira corpora" di Jeff Jackson, romanzo che si preannuncia piuttosto "spesso" a giudicare dalle poche righe sulla quarta di copertina. Romanzo di formazione "distorto" che segue l'adolescenza del protagonista da quando fugge di casa per scappare da una madre violenta e, cito testualmente, ≪...Attraverso scenari irreali, utopie selvagge, deserti urbani, oracoli, esperienze simboliche e sconvolgenti, il libro racconta con un ritmo ossessivo e immagini destabilizzanti il rapporto e il distacco di una persona rispetto al proprio corpo e alle proprie radici...≫ Beh insomma, non di certo quello che si definisce un romanzo rilassante 😀 Grazie Pidgin, ti farò sapere! E tornerò al tuo stand la prossima volta 😉

Basta, tempo e soldi esauriti 😀 Saluto il Salone e vado a prendere la metro per il ritorno a casa. Considerazioni? Il Salone migliore di sempre: Nicola Lagioia ha dato la sua forte impronta portando questa manifestazione ad un livello altissimo, con autori ed ospiti di livello ormai assoluto. Non credo si possa desiderare di più al momento. L'unica cosa, l'appunto che faccio tutti gli anni, è relativo ad una area ristoro inesistente (fosse anche solo per riposarsi 10 minuti: la densità della popolazione rispetto alle panchine credo sia circa 1000 a 1 🙁 ) e le file interminabili ai bagni, quest'ultimi non sempre all'altezza della manifestazione. Ma il direttore ha già detto che si lavorerà anche per questi aspetti, quindi per me ve bene così 🙂 Ci rivediamo... Domenica 13 per un altra breve (ma intensa) visita.

Domenica 13 ci ritorno con la famiglia, in teoria da semplice "accompagnatore", in pratica un paio di libri ed un evento sono riuscito lo stesso a farmeli 😀 Beh, le spillette nuove allo stand della Minimum Fax che mi ero dimenticato di prendere Venerdì sono un must! E già che c'ero mi sono pure preso il libro di Marco Peano "L'invenzione della madre", così posso conoscere al meglio questo giovane e promettentissimo autore italiano. E poi un salto veloce allo stand della Iperborea, altra casa editrice che amo, per acquistare una copia di "Uno scià alla corte d'Europa" di Kader Abdolah, autore che lo stesso giorno riuscirò a vedere nel suo intervento presso la Sala Blu. Anche in questo caso ho fatto un video che vi propongo come sempre in fondo all'articolo. Ho "scoperto" un autore eccezionale dal punto di vista umano! Non mi aspettavo una persona così acuta, appassionata, ironica e affabile. Lo conoscevo di nome, certo, ma non l'avevo mai visto dal vivo né mai letto. Me ne sono innamorato e sono certo che se guarderete il video qui sotto alla fine condividerete con me questo amore! La Iperborea mi regala anche un altro titolo: "Peer fortunato" di H.C. Andersen, ultima opera scritta dal prolifico autore danese, fiaba un po' fantastica, un po' autobiografica, narra la storia di Peer, giovane di umili natali, che riuscirà nel campo dell'arte diventando ballerino, attore e cantante. Una breve storia che sicuramente mi regalerà grandi emozioni. 🙂

Qui termina (davvero questa volta) il mio Salone 2018. Le considerazioni fatte dopo la visita di Venerdì restano valide. Se non siete mai stati al Salone del Libro dovete rimediare, specialmente se siete amanti dei libri! Non solo per comprarli, non è quella la cosa più importante; ma per incontrare gli autori, sentire dalla loro viva voce le esperienze e le storie più incredibili, parlare con gli editori, con i traduttori, stringere amicizie... Il più importante appuntamento per la cultura in Italia è qui, a Torino, la città dei Libri! Ci rivediamo l'anno prossimo, ora vado a leggere che ne ho per un po' 😀

 


⫣ TUTTI I VIDEO DEGLI EVENTI A CUI HO PARTECIPATO

"Un giorno tutto questo sarà fantastico" Hoffmann e Lovecraft raccontati da Marco Peano e Matteo Galli



"Un'ora con... Vanni Santoni" autore de L'impero del sogno



"Montagne e forntiere" incontro con Matteo Righetto e Mauro Corona



"Se uno scià di Persia racconta la storia d'Europa" incontro con Kader Abdolah, autore di "Uno scià alla corte d'Europa"

Dopo "La stanza profonda", candidato al Premio Strega dello scorso anno, terminato negli ultimi 12 ma non in cinquina finale, ecco arrivare questo "L'impero del sogno", che segna il ritorno dell'autore su Mondadori, dove aveva già pubblicato i due volumi di "Terra ignota" nel 2013 e 2014. Lo conoscevo solo per fama purtroppo, sia come scrittore che come editor per l'ottima Tunuè della sua collana di romanzi, ma questa volta mi sono imposto di leggerlo! Tanto più che quando ho visto il libro sullo scaffale della libreria, ne sono stato subito rapito dalla bellissima copertina con chiari riferimenti fantasy e onirici.

"L'impero del sogno" è una storia fantastica, che si alterna tra il mondo reale e quello, appunto, dei sogni, dove il giovane Federico Melani detto "il Mella", sfaccendato ventenne toscano iscritto all'università ma poco praticante, si troverà invischiato, suo malgrado, in uno strano sogno che ogni volta che si addormenta riprende più o meno dal punto in cui si era fermato all'ultimo risveglio - per la verità un poco più avanti - , in cui si trova ad una conferenza animata dai personaggi più disparati, stereotipi dal classico fantasy alla mitologia asiatica, da spiriti luminosi a dèi iracondi, da draghi d'oro a gnomi dispettosi; e dove rivestirà un ruolo primario nella vicenda. Sempre più coinvolto man mano che scorrono le pagine, il Mella tenterà di dormire il più possibile e nei luoghi più impensati, al fine di continuare la storia che, mentre lui è sveglio, non può vivere ma soprattutto procede senza di lui.

Detta così sembra facile, ma l'intrico creato da Vanni Santoni è davvero avvincente e soprattutto coinvolgente: viene proprio voglia di andare avanti per scoprire cosa succederà dopo! E così tra momenti di veglia (pochi) in cui il ragazzo è costretto a rendere conto in qualche modo alla sua famiglia e ai suoi amici, e in cui presto si imbatterà in un'alleata preziosa per lo svolgimento della vicenda, e momenti in cui il sogno prende forma e procede inesorabile; la trama si sviluppa in modo sempre più fitto e onirico; fino alla compenetrazione tra sogno e realtà, da cui da circa metà libro in avanti, prenderà forma in maniera sempre più assurda un epilogo e un finale da film d'azione! La parola "scontato" in questo romanzo è bandita dalla prima all'ultima pagina! E anche se ad un certo punto crederete di avere capito dove andrà a parare, dopo poco cambierete idea!

Difficile catalogarlo o consigliarlo in base ai gusti personali. E' una storia da sogno, così come recita il titolo. Siate pronti a farvi trasportare in un mondo favoloso, pieno di colori e di ombre, di draghi, mostri mitologici, e spiriti, in una storia strampalata ma carica di emozioni e soprattutto di intensità. Ho cercato di non svelare troppi dettagli perché sapete che non è mia abitudine farlo, ma in un contesto così strano è difficile raccapezzarsi con poche righe! Spero di non avervi confuso più del dovuto 🙂 Io dal canto mio sono davvero lieto di avere fatto questo incontro e sicuramente andrò a rileggermi i precedenti, soprattutto "La stanza profonda" che tratta il mondo dei giochi di ruolo, a cui la mia infanzia/gioventù è stata particolarmente legata, e "Muro di casse".

Uno scrittore sicuramente atipico nel nostro panorama, e forse per questo del tutto apprezzabile. In Italia abbiamo scrittori ottimi, leggetelo!

Si è chiuso ieri sera quello che è stato a detta di tutti (addetti ai lavori, giornalisti, visitatori, editori ecc...) il più grande Salone del Libro di sempre; per affluenza, interesse del pubblico, ospiti, stand, vendite, e chi più ne ha più ne metta. Io ho avuto la fortuna e l'onore di partecipare a due dei cinque giorni in programma, e ad assistere ad almeno quattro conferenze di grande interesse. Ho filmato tutto, non vi preoccupate, e presto pubblicherò i video; devo solo mettermi a sistemarli e montarli 😀
Ho anche fatto un po' di acquisti, naturalmente, e di questo vi parlerò diffusamente in un articolo che sto preparando. Insomma, queste poche righe solo per dirvi che sto elaborando tutto il materiale a mia disposizione e che presto avrete un resoconto dettagliato del mio Salone! A prestissimo!

Tra poco più di un'ora prenderà il via la trentunesima edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino. Ci saranno migliaia di espositori, eventi, approfondimenti, incontri con importanti scrittori e giornalisti, conferenze e momenti culturali di ogni tipo, anche per bambini e ragazzi nell'area "Bookstock Village". Noi ci saremo, cercheremo di dare il nostro supporto e la nostra partecipazione il più attiva possibile, portando avanti con decisione il nostro motto, che è anche il nome del blog: si prega di leggere.

Leggere aiuta, tiene vivi, tiene compagnia. Leggere ci rende più civili, tolleranti, aperti. Leggere combatte l'ignoranza, l'arroganza, la violenza. Leggere è una medicina per noi e per il mondo che ci circonda, per questo è così importante.

Questa mattina ho letto una frase su Twitter di Marcos y Marcos, una frase a corredo di un breve tweet dedicato appunto al Salone. La frase diceva "I libri, la ragione di tutto". Si riferiva al Salone, ma io la vorrei estendere anche oltre. I libri sono la ragione di tutto. Le parole che stanno dentro a quelle pagine sono la linfa che ci rende persone migliori. Non perdiamo l'occasione di leggere, sarebbe una grave mancanza di rispetto verso noi stessi.

Buon Salone del Libro a tutti! Ci vediamo la! E non dimenticate: #sipregadileggere!

Pochi giorni prima del Salone del Libro di Torino dello scorso anno, 2017, all'età di 82 anni, si spegneva lo scrittore argentino Abelardo Castillo. Uno dei più importanti scrittori di "cuentas", racconti; spesso accostato a Roberto Arlt, Julio Cortazar e altri nomi di questo calibo, fu uno dei primi a portare alla consacrazione popolare la letteratura "breve" dei racconti. Autore di oltre 70 cuentas, romanzi, saggi e pièce tratrali, in vita fondò e diresse anche tre riviste di cultura e resistenza politica contro il regime, una delle quali, "El grillo de papel", durato appena 6 numeri a cavallo tra il 1959 e il 1960, a causa dell'oscurantismo del governo che lo fece chiudere perchè troppo schierato a sinistra.

Prima che la lungimirante Del Vecchio traducesse questo "I mondi reali", in Italia era presente solo un romanzo di Castillo, edito da Crocetti nel 2003 "Il Vangelo secondo Van Hutten". Fortunatamente, grazie a questa preziosa casa editrice indipendente, il nome di Castillo è tornato a circolare tra addetti ai lavori e appassionati, e finalmente tutti possono riscoprire uno scrittore immenso e coltissimo.

"I mondi reali" è il titolo che lui diede a tutte le raccolte di racconti che produsse in vita, la sua idea era infatti di pubblicare periodicamente nuovi racconti e racchiuderli sotto lo stesso identificativo, un po' come se fossero gli stessi racconti e che evolvessero, la stessa storia che continuasse con nuovi volti, nuovi personaggi e nuove situazioni. Fu un'idea della amatissima moglie Sylvia, alla quale poi lui dedicò ogni sua uscita con la stessa frase in apertura: "TUTTI I MIEI RACCONTI quelli già scritti e quelli ancora da scrivere appartengono a un solo libro incessante e a una donna A SYLVIA che ha dato a questo libro il nome che porta oggi I MONDI REALI".

Ma cosa sono questi Mondi Reali? Sono storie dense, pagine che racchiudono rabbia, amore, morte, frustrazione, romanticismo, disillusione, allegria, crudeltà, strazio. Pagine che raccontano di vite al limite, personaggi avidi ed egoisti che non pensano ad altro che alla propria ricchezza e alla propria discendenza, uomini annoiati che sfidano il destino compiendo omicidi solo per il gusto di farlo, volti persi nella nebbia di una stazione ferroviaria, pronti a partire con un biglietto trovato per caso senza conoscere la propria destinazione. E ancora uomini dal cuore infranto, persi a rivangare il passato nascosto tra i suppellettili messi in ordine su una libreria, o altri che uccidono per presunta misericordia verso l'assassinato. Ma anche donne, donne derubate della propria esistenza che compiono atti innominabili, donne crudeli, forti, calcolatrici. C'è nei Mondi Reali quello che suggerisce il titolo, appunto tanti mondi reali, uomini e donne reali. Anche se leggere certe cose spaventa quasi a pensare che possano realmente accadere, niente è più reale della tragedia, della malvagità e della spietatezza umana; e Castillo lo sapeva bene ed attraverso questi racconti lo ha espresso in tanti modi diversi ma sempre con grande eleganza di stile e profondità narrativa. Queste pagine regalano al lettore dei momenti di altissima letteratura - e del resto l'autore è stato anche un letterato coltissimo - e stare dietro a tutte le citazioni non è affatto semplice, ma per fortuna vengono in aiuto le note dell'editore a questo scopo.

La mia speranza giunto fino qui, è che queste mie poche righe vi abbiano incuriosito e vi invoglino ad approfondire e ricercare questo autore immenso. Io dal canto mio spero che presto la Del Vecchio possa "importare" e tradurre altre delle sue opere, perché se il livello è questo allora è da leggere senza indugio ogni cosa firmata da Abelardo Castillo. Mi domando infine quanti altri autori poco conosciuti o quasi del tutto sconosciuti in Italia, abbiano un valore così alto nel panorama della letteratura mondiale... Sicuramente troppi ancora... Speriamo di poter rimediare al più presto! Ah, e buone letture 🙂

Questa mattina, in concomitanza con l'annuncio a Roma della dozzina finalista del Premio Strega, a Torino, presso la sede del Sermig - L'Arsenale della Pace, si svolgeva anche la conferenza definitiva per il Salone Internazionale del Libro di Torino 2018. Sono finalmente stati svelati tutti gli ospiti e il programma completo (consultabile dal sito a questo indirizzo: http://www.salonelibro.it/it/ - link in alto "Programma" suddiviso poi per giorno -)

Di seguito il video integrale dell'evento presieduto da Massimo Bray, Sergio Chiamparino, Chiara Appendino, un responsabile del Sermig, di cui purtroppo ignoro il nome e, naturalmente, Nicola Lagioia, direttore instancabile del Salone.

Buona visione 🙂

#SalTo18: la conferenza definitiva

Alla scoperta del programma del #SalTo18!Sermig - Arsenale della Pace - Pagina ufficiale

Pubblicato da Salone Internazionale del Libro su giovedì 19 aprile 2018

 

 

 

Questa mattina a Roma, presso la Sala del Tempio di Adriano, è stata annunciata la dozzina finalista del Premio Strega 2018. Di seguito l'elenco dei titoli e le copertine dei libri!

L'appuntamento è a Mercoledì 13 Giugno per la proclamazione della cinquina finalista!

E ora via con lo #Stregathon! Buone letture a tutti! 😀

  • Marco BalzanoResto qui (Einaudi)
  • Carlo CarabbaCome un giovane uomo (Marsilio)
  • Carlo D’AmicisIl gioco (Mondadori)
  • Silvia Ferreri, La madre di Eva (NEO Edizioni)
  • Helena JaneczekLa ragazza con la Leica (Guanda)
  • Lia LeviQuesta sera è già domani (Edizioni E/O)
  • Elvis MalajDal tuo terrazzo si vede casa mia (Racconti Edizioni)
  • Francesca MelandriSangue giusto (Rizzoli)
  • Angela Nanetti, Il figlio prediletto (Neri Pozza)
  • Sandra PetrignaniLa corsara. Ritratto di Natalia Ginzburg (Neri Pozza)
  • Andrea Pomella, Anni luce (ADD Editore)
  • Yari SelvetellaLe stanze dell’addio (Bompiani)