Vai al contenuto

Happy hour (Mary Miller)

(brossura, 264 pag., 15€, Edizioni Black Coffee)

Le donne che Mary Miller ci presenta nei suoi racconti sono donne comuni, con vite come tante; che soffrono, amano, odiano, sperano, piangono e ridono come tutte le donne di questo mondo. In una normalità assordante. Pezzi di vita stesi al sole ad asciugare, mentre si assiste ad un viaggio tra le strade d'America, dove le storie di queste donne prendono forma, mutano, si sciolgono, a volte si addensano; sempre in una normalità che spaventa da quanto sia crudele. Talvolta si ha anche l'impressione che sia la stessa storia che prosegue dietro tutti i loro volti, tutte indaffarate a sopravvivere nel modo migliore, a raddrizzare una vita storta perché storto è il mondo che le accoglie, ad espiare le colpe dell'umanità nelle loro fragili esistenze.

Donne che attendono il ritorno del fidanzato e intanto ricevono istruzioni su come cambiare la lettiera del gatto in sua assenza, altre che non sopportano la propria coinquilina e spariscono sul tetto della casa per stare sole, altre ancora che cercano di apparire perfette agli occhi dei suoceri in una crociera lussuosa, insegnanti che si innamorano dei propri allievi e che li ospitano nella loro villa, donne divorziate con figli affidati in comune col padre, donne che lavorano in comunità per bimbi e ragazzi difficili... E poi donne "comprate" da amiche ricchissime per accompagnarle nei propri viaggi di piacere, donne con un rapporto non troppo facile con le sorelle... E altre ancora, tutte con la loro storia che in poche pagine ve le farà diventare amiche, come se le conosceste da una vita, come se oltre a quanto scritto, conosceste anche molte altre cose di loro, perché questa è la forza di Mary Miller, il non detto, il sottinteso.

Sono racconti brevi, che si leggono come bere un bicchiere d'acqua, ma che lasciano nella gola una sensazione di bruciore, come quella lasciata da un whisky troppo invecchiato bevuto liscio. Mary Miller ha la capacità di farci entrare in sintonia con un mondo che tutto sommato è molto distante da quello che viviamo quotidianamente, ma che attraverso le storie di queste donne, si intreccia con una realtà a noi ben nota. Le strade di New York sono fatte di asfalto come le nostre, e dall'asfalto fumante di estati torride e polverose arrivano gli echi distanti di storie comuni a tutte le donne del mondo.

Un libro che ho deciso di leggere perché incuriosito appunto dal tema trattato; non è il classico libro "per donne" che parla "di donne"; questo è un testo che può e deve interessare anche noi uomini, forse per conoscere un po' meglio le donne che ci stanno accanto, per capirle e magari entrare un po' di più in sintonia con il loro mondo. Vabbè, forse esagero, però un po' di curiosità spero di avervela trasmessa 🙂 Mary Miller è una scrittrice giovane che sa il fatto suo, con una prosa asciutta e lineare sa colpire in poche pagine e disegnare un mondo intero tra le righe. Ah, il libro Mary Miller lo dedica a tutti i suoi ex, e nel farlo li ringrazia di tutto il materiale che questi ultimi le hanno fornito per questo libro e per molti altri a venire! 😀
Un'ottima scoperta da un'altrettanto ottima casa editrice indipendente che vi consiglio caldamente di seguire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *