Vai al contenuto

La madre, il maestro, Shakespeare e Dio (Giulia Bracco)

(brossura, 348 pag., 15€, Caffèorchidea)

Uno dei più noti incipit della storia della letteratura diceva più o meno che "tutte le famiglie felici si somigliano, ma ogni famiglia infelice lo è a modo suo". Le famiglie che popolano questo romanzo, più o meno centralmente, più o meno parzialmente, sono infelici ciascuna a suo modo e qualcuna anche a propria insaputa. I componenti della famiglia Minenti, o sarebbe più giusto dire "Delle" famiglie Minenti, sono infelici ognuno a modo suo. La vicenda ruota intorno a Nabel, figlia più piccola del professor Lucrezio Minenti, scienziato stimato, fisico teorico di fama mondiale, e Anna Pan, donna in carriera dal carattere forte e risoluto, la figlia maggiore è Lulù Minenti. Questo accade in Italia. In Germania vive invece la seconda famiglia Minenti, Hector, l'unico figlio, ha la stessa età di Nabel, sono nati nello stesso anno, a poca distanza l'uno dall'altra, e i loro caratteri si completano, le loro ambizioni e doti si accoppiano rendendo le mancanze di ciascuno, tessere del puzzle che formano il disegno completo dell'altro. Il concetto appare forse un po' fosco detto così, ma vi assicuro che tra le righe di questa storia risulta tutto molto più semplice.

Nabel scopre solo nella maggiore età di avere un fratello nato da una relazione del padre che lei ignorava. Non è uno spoiler, questo accade nelle prime pagine, quindi niente paura 🙂 E' proprio Hector a cercarla in Italia. Dopo questa rivelazione Nabel non sarà più la stessa; inizierà dentro di lei un percorso interiore alla ricerca di una stabilità, di risposte che non troverà mai o che, forse, aveva sempre custodito in fondo al suo cuore. Nabel ama scrivere, ma non sopporta che la gente legga ciò che scrive, così cancella. Cancella ogni parola dall'ultima alla prima, in un percorso a ritroso che non è solo l'atto di eliminare delle parole da un foglio, ma una continua rielaborazione della propria interiorità, una straziante ricerca di sè affidata a parole che mai arriveranno al destinatario. Hector è un artista eclettico, quello che Nabel non riesce ad esternare, lui non riesce a tenere dentro di sè. Membro di un gruppo artistico chiamato Orchestrart, vive dove capita, dove l'arte chiama il suo talento, anche lui alla ricerca di sè, una ricerca che lo porterà inevitabilmente a Nabel. Ma poi arriva Marcus, e gli equilibri si fanno incerti, una nuova rivelazione incredibile, un uomo disposto a tutto per far parte di un esperimento scientifico unico, per diventare il primo crononauta della storia; e tenta in ogni modo di arrivare a Lucrezio Minenti, che pare sia impegnato segretamente ai lavori sulla macchina del tempo. Gli eventi si susseguono incalzanti, tra l'Italia, la Germania e Londra, tre luoghi distanti ma come in universi paralleli, affiancati e presenti l'uno all'altro attraverso Nabel, Hector e Marcus. E il finale è scritto tra le stelle...

Giulia Bracco ha una scrittura fluida e concreta, capace di tratteggiare in poche righe anche situazioni complesse, ma al momento giusto lasciare all'immaginazione del lettore ciò che verrà dopo, quasi a prenderlo per mano, accompagnarlo fino alla soglia e poi lasciarlo libero di entrare da solo. Ho molto apprezzato la caratterizzazione sapientemente poliedrica dei personaggi, mostrati in vari momenti emotivi assolutamente coerenti con il loro nucleo centrale. Sono "vivi", ci si affeziona a loro senza riserve, si sprofonda nella storia e se ne esce alla fine solo dopo una forte successione di emozioni. Dico sul serio, non capita spesso che un libro tocchi corde così sensibili da far vibrare nel profondo, questo l'ha fatto.

Martin Amis diceva che mentre scriviamo qualcuno ci sorveglia: la madre, il maestro, Shakespeare o Dio? In questo libro c'è tutto, basta mettersi comodi e iniziare a leggere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *