Vai al contenuto

La statua di sale (Gore Vidal)

(brossura, 228 pag., 15€, Fazi Editore)

E' arrivata da poco in libreria questa nuova edizione del libro più controverso di Gore Vidal, quel libro che quando uscì, nel lontano 1947, 71 anni fa ormai, negli Stati Uniti, scandalizzò e fece indignare la maggior parte degli addetti ai lavori e dei lettori a causa delle sue tematiche che oggi potremmo definire "LGBT", una volta semplicemente "omosessuali", inaccettabili per il periodo, specialmente in una nazione come gli USA. Addirittura fu odiato dal proprio editore, il New York Times si rifiutò strenuamente di pubblicizzarlo e nessuna rivista americana lo recensì. E già solo per questo meriterebbe di essere letto, se non altro per capire il motivo di tanto scalpore. Gore Vidal, che all'epoca aveva 22 anni, scrisse un romanzo assolutamente avveniristico, sincero, profondo e scomodamente vero; fu questa la sua più grande colpa. Ma per fortuna lo scrisse, e noi ora possiamo godercelo appieno, visto che si tratta anche di un grande romanzo.

Jim è un giovane liceale, cresciuto nel sud degli Stati Uniti. Vita famigliare difficile, rapporto con il padre costantemente burrascoso, una sorella più grande che è la preferita e un fratello più piccolo. Non ha mai avuto una ragazza, non ne è attratto benché loro siano attratte dal suo fisico asciutto ed atletico. Gioca a tennis, è un maestro con la racchetta, il suo avversario preferito è anche il suo migliore amico: Bob. Ne è affascinato. Bob è più grande di un anno, e si sta diplomando. Dopo il diploma vuole lasciare tutto e arruolarsi in marina. Una delle ultime sere prima di partire tra i due succede qualcosa, è un gioco, poco più di uno scherzo, ma è un atto fisico che scuoterà Jim nel profondo e gli sconvolgerà l'esistenza. Bob parte e Jim si ripromette di raggiungerlo l'anno dopo, terminati gli studi, e di ricongiungersi a lui per poter rivivere di nuovo quelle emozioni vissute in riva al fiume al capanno quella sera di inizio estate...

Dopo questa doverosa premessa, niente spoiler, tutto ciò accade nelle primissime pagine, prende il via la vera storia, la vera avventura di Jim, che negli anni a venire intraprenderà il suo viaggio alla ricerca di Bob. Si arruolerà nella marina militare credendo così di ritrovarlo subito e facilmente, ma Bob nel frattempo si è mosso verso altre destinazioni, e così Jim vivrà una vita costantemente alla sua ricerca, conoscerà altri uomini, inizierà a frequentare quel mondo che inizialmente rifiuta non credendo di appartenervi, non accettando la sua omosessualità. Piano piano, poco alla volta, Jim si mischierà sempre di più a questa gente, trovandosi in locali equivoci, in feste private di frustrate stelle del cinema alla ricerca di nuove emozioni, su navi, campi da tennis, caserme innevate, fino all'epilogo, nell'ultima parte del libro, in cui ritroverà finalmente Bob.

E' un viaggio introspettivo profondissimo alla ricerca della propria identità e del proprio essere. Un'identità di cui Jim ha paura, in cui non ci si sente comodo, ma che inevitabilmente lo costringerà a guardarsi dentro e ad accettarsi per quello che è. Non c'è da stupirsi se quando uscì, nel 1947, questo libro fece scandalo, ancora oggi le tematiche sono "scottanti", figuriamoci 71 anni fa. Gore Vidal ha avuto il coraggio di trasporre su carta la vita di una persona come tante, la vita di un ragazzo che scopre di essere "diverso" dagli altri, che scopre pulsioni che non vorrebbe avere e che vuole convincersi non siano reali. Un libro che scorre rapido come un fiume in piena, come la vita di Jim alla ricerca di se stesso e di Bob. Scritto magistralmente e senza fronzoli. Il mio consiglio è scontato: leggetelo e non ve ne pentirete. Se poi siete appassionati di certe tematiche, questo è un precursore che non potete proprio ignorare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *