Vai al contenuto

Dopo la delusione dello scorso anno per la prima edizione di Tempo di Libri, quest'anno la fiera milanese, antagonista dichiarata del ben più longevo Salone Internazionale del Libro di Torino, torna con rinnovato slancio, una nuova location, nuove aspettative e palinsesto più ricco e diversificato. L'obiettivo è stato centrato? In parte si, ma secondo me ci sono ancora molte cose da fare, soprattutto dal punto di vista organizzativo. E mi riferisco principalmente alla gestione degli spazi per gli eventi e le conferenze. Disorganizzazione più totale: file caotiche, nessuno spazio per poter passare se non spingendo e facendosi strada a gomitate, visitatori disorientati, incapaci di capire da dove entrare (e pure uscire, una volta terminato l'evento); personale di sicurezza assente, hostess assalite dagli astanti che, non sapendo con chi lamentarsi, si scagliavano su di loro. Se qualcuno si fosse sentito male lì in mezzo alla calca, non so come sarebbe potuta finire... E non è un'esagerazione; se ci siete stati avrete visto, e se non ci siete stati allora chiedete a qualche vostro conoscente che invece ha visto. Beh, questo è senz'altro un fattore molto negativo dell'evento in generale, perché se è vero che non tutti i partecipanti di Tempo di Libri si sono recati nella zona conferenze, fortunatamente "relegata" al secondo piano in un'area dedicata, è altresì vero che chi ci è stato (e parliamo di migliaia di persone in 5 giorni) ha dovuto "sopravvivere" in un caos davvero enorme. Peccato perché con un minimo di organizzazione in più si sarebbe potuto avere un effetto enormemente migliore. Da segnarsi per il prossimo anno!

TdL18 - Il caos totale fuori dalle sale convention

Ma passiamo agli espositori. Non è vero che le piccole case editrici hanno aderito, o almeno non tutte. Quelle piccole (e medie) case editrici che al Salone di Torino sono protagoniste, non faccio nomi perché sicuramente ne dimenticherei qualcuno,  sempre grandemente attese, non c'erano. Perché? Avranno fatto i loro calcoli, avranno ritenuto non proficuo parteciparvi, oppure, per un fattore più etico e morale, non hanno voluto "tradire" Torino, questo non lo posso sapere, so solo che non c'erano. Lascio a voi altre conclusioni. Emblematico il fatto che sono uscito dalla fiera senza aver acquistato nemmeno un libro. Zero! E, scusate, ma non è proprio da me una cosa del genere!!! 😀 Si, il Libraccio c'era, ma non sono riuscito ad entrare e dopo due tentativi ho desistito... Non sono più quello di una volta 😀

Passiamo ora ai lati positivi. La location ad esempio è stata azzeccata: facilmente raggiungibile anche da fuori, con almeno due ampi parcheggi in zona (coperti), ampia, spaziosa, molto ben realizzata; stand chiari, illuminati, una zona ristoro molto estesa (al primo piano) con diverse offerte gastronomiche: dal ristorante self-service, a Spizzico, ad Autogrill per i panini, ed un altro paio di bar tavola fredda, insomma, se avevate fame, il problema non sussisteva 🙂 Gli espositori erano effettivamente molti più dello scorso anno, le aree di incontro anche, con un'attenzione particolare anche per i più piccoli, per i quali sono stati organizzati eventi, workshop, e incontri di ogni genere: degno di menzione quello di Comieco sulla gestione della carta e del suo riciclo, dove con 3 piccoli stand coperti illustrava ai più piccoli, ma anche ai più grandi, i vari tipi di riciclo della carta e la lavorazione successiva per produrre nuova carta, e facendo partecipare tutti anche con un quiz finale per verificare l'apprendimento delle nozioni. Una cosa davvero interessante e soprattutto utile!

Gli ospiti poi erano davvero molti più dello scorso anno, sia "nostrani" che internazionali, posso citarne alcuni: Luis Sepúlveda, John Grisham, Gianrico Carofiglio, Nicola Lagioia, Nicolai Lilin, Vittorio Sgarbi, Mauro Corona, Clara Sánchez, Sveva Casati Modignani, Paolo Cognetti, Joe Lansdale, Donato Carrisi... E decine di altri, davvero. Non posso citarli tutti, per ovvi motivi, ma comunque se volete un quadro completo potete visitare il sito ufficiale di Tempo di Libri e dare un'occhiata al programma disponibile online e per il download in PDF.

La mia personale esperienza come avrete potuto capire non è stata del tutto positiva, a causa del caos vissuto in zona conferenze, ma posso affermare, con ragionevole certezza, che quest'anno le cose sono andate decisamente meglio dello scorso e che, in ottica futura, la direzione che si è presa è senz'altro quella giusta. Peccato (sempre parere personale) che gli editori più piccoli non abbiano aderito; anche su questo punto spero in futuro possano cambiare le cose. Per il momento va bene così. Ora abbiamo 12 mesi di tempo per prepararci per il prossimo Tempo di Libri... Nel frattempo, tra 2 mesi, ci attende il Salone di Torino. Dopo di che potremo meglio tirare le somme.

Buone letture a tutti!

Ritorna Tempo di Libri, la fiera dell'editoria Italiana di Milano, giunta alla sua seconda edizione, quest'anno cambiando location e periodo. Non sarà più infatti allestita alla zona fiere di Milano Rho, ma bensì nella più rinomata e centrale Fieramilanocity, e non si svolgerà più a fine Aprile, a ridosso del Salone Internazionale del Libro di Torino, ma bensì nella prima metà di Marzo. Strategia questa sicuramente volta a non intasare un breve periodo con due manifestazioni di questa portata, anche perchè la concorrenza con il Salone di Torino è forte, quindi meglio "staccarsi" un po'!

Tra l'8 e il 12 di Marzo, 5 giorni di libri, autori, editori, interventi e interviste, approfondimenti, letture ad alta voce, eventi di ogni tipo per grandi e per bambini. Insomma, tutto quello che gira intorno al mondo dei libri e della lettura, a quello che più ci piace 🙂 Se vi interessa approfondire, il programma in PDF è scaricabile dal sito ufficiale a questo indirizzo: Programma Completo . 

Io un giretto me lo farò senz'altro, anche se sto ancora decidendo quale giorno... Vi terrò aggiornati con tutte le news a mia disposizione!

A presto e buone letture!

Tempo di Libri, la Fiera dell'editoria italiana... Uhm... Eppure se non sbaglio ce n'era già un'altra... Aspetta che ci penso bene...

Ma su, lasciamo da parte le polemiche, e andiamo a vedere di cosa si tratta. Da bravo lettore mi sento quasi in dovere di farlo e quindi decido di lasciare i retroscena e i gossip degli ultimi mesi alle spalle e via verso Rho, zona fiere, zaino in spalla (con panini per il pranzo) e tanta curiosità (ma pochi soldi... 🙁 ).

Arrivo giusto per le 10, nessuna coda in biglietteria, anzi alcune casse erano proprio vuote, poca gente in coda ai tornelli... La cosa è strana e non ce la si fa proprio a non fare il paragone con l'altra fiera, quella di cui parlavo prima... Abituati a code chilometriche anche con il biglietto "salta la coda" qui siamo subito dentro, e anche dentro il deserto. Nessuno. Ok, sono appena le 10, la folla arriverà... Giro tra gli stand un po' spaesato, la mappa c'è, ma non ci sono riferimenti agli espositori, almeno non nel libretto che ho io tra le mani... Quindi decido di lasciar perdere e di andare a caso. Anche il discorso delle lettere che era stato pubblicizzato come fossero dei contenitori per vari generi e contenuti è venuto meno, non si capisce, non c'è una logica precisa dei percorsi, è tutto un po' così... Almeno per il sottoscritto!

Faccio un giro alla Newton a prendere un libro appena uscito, trattasi di ricette vegane per dolci... Non sono vegano, ma i dolci leggeri mi interessano sempre e se si può mangiare qualcosa di buono senza allargare la cintura mi fa sempre piacere 🙂 Scambio due parole con il commesso che mi conferma la scarsa affluenza dei giorni scorsi, preoccupato anche peri il weekend; siamo infatti al ponte del 25 Aprile e molti preferiranno forse una gita fuori porta che un giro alla fiera... Speriamo non sia così, insomma, per il bene di tutti, lettori e soprattutto espositori. Comunque mi congedo e continuo il mio giro.

Non trovo granchè di mio interesse, gli espositori medio-piccoli, di solito i più interessanti, sono davvero pochi e settoriali, il grosso della narrativa è proposto dai grandi nomi... Il che non mi interessa per niente. Durante il mio primo giro mi imbatto subito nello stand del Libraccio e, stupore, anche li si riesce ad entrare senza sgomitare! Complice questa calma dovuta alla scarsa affluenza, riesco a guardare un po' meglio del solito i libri esposti e arrivato a 8 titoli decido di smetterla di guardare, pagare e andarmene!

Mi avvicino ad una sala dove noto una coda non indifferente di ragazzi in attesa, mi rendo conto che li tra poco parlerà Luca Argentero, poco male, mi cerco un posto per sedere e mangiare il mio pranzo composto da due panini poco imbottiti. Anche in questo caso un evento mai visto: panchine vuote. La cosa è preoccupante, per gli espositori, ma per me è una manna, visto che i piedi iniziano a farmi male (e anche la schiena visti i 9 libri già acquistati... Quando si dice che la cultura ha un certo peso... ehm...). Mangio i panini e mi affaccio nella sala assediata che nel frattempo ha aperto e mi accorgo che è piena solo per metà. Mi avvicino, ascolto qualche parola, me ne vado. La cosa non mi interessa (si parlava di un sito web dove pubblicare dei video promozionali creati dagli utenti, poi votati dalla community e premiati... Non la faccio lunga, se vi interessa si tratta di www.myvisto.it, dategli un'occhiata...)

Insomma, il tempo passa, il giro l'ho praticamente già finito, e la gente ancora non arriva... Sento addirittura espositori parlare con altri espositori dicendo frasi tipo "Ecco, questo è il momento di massima affluenza da quando è iniziata la fiera"... Qualcuno si lamenta della scarsa pubblicità fatta. Io non so, in effetti io sapevo della fiera perchè seguo una certa "scena" in cui se ne parla e se ne è parlato, ma in effetti a pensarci bene io di grosse pubblicità non ne ho viste... E la cosa è triste se ci pensiamo. Un po' deluso da quanto ho visto fin'ora mi fermo ancora un attimo a riposare sull'ennesima panchina vuota, quando scorgo un tavolo pieno di libri incustoditi. Mi avvicino mentre molti altri ragazzi si stanno precipitando sul "bottino" e mi accorgo che si tratta dei libri dell'iniziativa #ioleggoperchè, messi li gratuitamente per il pubblico. Sono da leggere e da passare ad altra gente, una sorta di book-crossing a livello nazionale. I titoli sono 3 e decido di prenderli anche io, in fondo sono titoli che non ho mai letto e che comunque sono gratis. Libri gratis. Mica potevo lasciarli li, eddai! 😛

Aggiungo anche questi libri al peso che la mia schiena sta sostenendo ormai da un paio d'ore e mi accingo a lasciare la fiera. Sono le 15 e ho praticamente visto tutto. Faccio un ultimo giro veloce per sicurezza, magari mi sono lasciato dietro qualcosa, e invece no, ho visto proprio tutto... Durante il giro finale di ricognizione vedo uno stand con un po' di gente accalcata all'esterno, capisco che ci deve essere qualcosa di interessante. Mi avvicino, è lo stand della Repubblica.it e sta parlando Claudio Bisio, dai che almeno una risata ce la facciamo! Mi fermo e filmo qualche minuto del suo intervento che vi propongo di seguito. Un intervento divertente e sicuramente interessante anche da un punto di vista culturale, perchè per quanto racconti di sè stesso, racconta in fondo di uno spaccato italiano degli anni '70, coinvolgendo nel suo racconto anche Dario Fo e terminando con un piccolo spezzone da "Gli sdraiati" di Michele Serra interpretato a teatro e tra poco anche in un film, annunciato in anteprima a quanto pare proprio in quel momento.

Dopo l'intervento di Bisio decido che è davvero ora di tornare a casa. Pago i pochi spiccioli per li parcheggio (17 euro... e non aggiungo altro...) prendo la macchina e mi metto in viaggio. Pensando. Pensando a cosa? Beh, pensando alla fiera appena visitata. Pochi i contenuti davvero interessanti (per il sottoscritto), troppe le cose "mainstream" o popolari, chiamatele come preferite, poca la partecipazione e molti i musi lunghi degli espositori.

Come dico sempre in occasione dell'altra fiera di cui continua a sfuggirmi il nome, io credo che appuntamenti di questa portata debbano servire a far conoscere e promuovere il nuovo, le case editrici che di solito non si trovano in libreria o al supermercato, a parlare con editori e autori che vivono il mondo dell'editoria "dal basso", ad approfondire e spingersi oltre quelli che sono i propri usuali orizzonti. Ecco, in questo caso ho visto mancare questo aspetto. Per il resto è sempre bello respirare il profumo dei libri, quindi, tutto sommato, deluso si ma sorridente 😉