La compagnia delle anime finte (Wanda Marasco)

Continua il mio viaggio attraverso i libri che hanno partecipato quest’anno al Premio Strega, con la terza classificata, Wanda Marasco, e il suo La compagnia delle anime finte, edito da Neri Pozza. E’ la storia della famiglia di Vincenzina Umbriello, raccontata dalla figlia Rosa, immaginata per lo più, al capezzale della madre morta. Una vita povera, di sofferenze e privazioni, umiliazioni e rimorsi, vissuta in una Napoli in bianco e nero, nei rioni poveri del primo dopoguerra, tra stretti vicoli, muretti, cantine e terrazze. Dalla nascita alla morte, è la storia di una donna forte e determinata, che vivrà purtroppo una vita ingombra di ombre e tragedie e piuttosto estranea alle soddisfazioni e alle gioie, fin da bambina incontrerà la morte e la malattia come compagne di viaggio e imparerà presto ad essere adulta, grazie alle esperienze e all’amicizia non sempre limpida di Annarella.

La storia della famiglia Umbriello si intreccerà con la ben più agiata famiglia Maiorana quando per caso Vincenzina incontrerà Rafele (Raffaele), l’uomo che diventerà suo marito nonostante le opposizioni della famiglia di lui. Le storie dei componenti delle due famiglie si intrecceranno più volte, verranno narrate singolarmente, a volte quasi come racconti a parte, ma saranno lo sfondo di un unico dipinto generale. Una storia di vita profonda e struggente, con i suoi risvolti neri e le sofferenze tipiche anche del periodo storico e della zona geografica, narrato in maniera sublime da una poetessa, alternando un dialetto napoletano (comprensibilissimo) ad un Italiano con la “I” maiuscola.

Non è mia abitudine fare “spoiler” o approfondire troppo la trama, per il semplice motivo che sono io il primo a non amare certe cose in un libro che vorrei leggere. Ci sono decine di personaggi e di storie qui dentro, storie che fanno male, che raschiano dentro come uno scalpello, inquietudini, malattie fisiche e mentali, disperazione e abbandoni. Cupo e pesante seppure breve, si legge che è un piacere nonostante la complessità di certi passaggi e l’intrico di certe frasi. Un altro libro italiano di grande spessore, alla faccia di chi cerca sempre il più sconosciuto autore straniero…

Non lo consiglio a tutti, ma solo a chi vuole cogliere la struggente normalità di un vivere senza orizzonte.

E’ giusto obbedire alla notte (Matteo Nucci)

Ai margini della Città Eterna, a pochi chilometri dal centro di Roma, lungo una parte del Tevere in ombra, marcia, maleodorante, vivono anime appartate, fuori dal tempo e dal mondo, disadattati ed emarginati ai nostri occhi, leggeri e liberi nei loro cuori. La storia che ci racconta Matteo Nucci si svolge qui, sulla chiatta ormeggiata sul fiume romano, che fa da trattoria, l’Anaconda, tra baracche di lamiera, barchette a motore di vecchi anguillari, tra il tubo di una fognatura mai terminata, utilizzata come abitazione, campi rom e prostitute. Una discesa verso il basso, verso l’abisso della disperazione, per riemergere e rinascere a vita nuova. Una storia terribile e tragica quanto verosimile. La storia di un uomo che dalla vita ha avuto il peggio ma che non si è arreso, mai, fino alla fine, fino alla purificatrice transizione passando per le latrine dell’umanità.

Il dottore, così lo chiamano lungo il Tevere, Ippolito Snell, marito e padre, archeologo, collega e amico rispettabile, pezzo a pezzo perde tutto quello che ha di più caro, tentando di tutto per mantenere le cose insieme, per rimediare, ma rendendosi presto conto che è la vita che decide per noi, e che non possiamo fare altro che stare a guardare. Spesso impotenti. Da qui il suo cammino verso una nuova vita e una rinascita che solo alla fine della vicenda troverà, forse, la quadratura del cerchio.

Il libro si articola in tre parti, la prima e l’ultima narrate in terza persona, dove viene per lo più raccontato il presente, la seconda, in prima persona, racconta invece del passato di Ippolito, e rende chiarezza a tutto il resto. La scrittura è puntuale e fludia, anche nei dialoghi, resi spesso più crudi e reali dall’utilizzo di termini forti e colloquiali, e nei monologhi anche interiori di lui e della moglie Anna. Non vi dirò nulla di più, naturalmente, questo è un testo che va letto ed assimilato attraverso le proprie vibrazioni, elaborato, digerito e rigurgitato secondo le emozioni di ciascuno. Un libro che mi ha pesato sullo stomaco per quasi tutta la sua durata, a tratti mi ha fatto sperare che finisse presto, che finisse in fretta tutto quel tormento. Ma che alla fine del viaggio mi ha lasciato una traccia dentro, qualcosa di indelebile che so già rimarrà lì per sempre. Un solco fatto di colori, odori e sensazioni, di un posto che non ho mai visto veramente con gli occhi, ma che ho abitato a fondo con l’anima.

E questo, se permettete, è la grandezza di un libro, di qualsiasi genere si tratti, di qualsiasi autore, periodo storico o altra catalogazione. Se ci resta qualcosa dentro allora vuol dire che l’opera si è compiuta, che quello è un libro giusto, da leggere, conservare e consigliare. Non nego di essermici avvicinato vedendolo tra i 12 finalisti del Premio Strega, benedetto Premio Strega sempre in mezzo a mille polemiche. L’ho seguito sino alla finale facendo il tifo per lui, ma alla fine è arrivato, purtroppo, solo quarto. Non voglio in questa sede commentare la classifica, comunque spero che questa manifestazione così importante serva a dare il giusto risalto a questo titolo e a questo autore.

Io mi fermo qui, come sempre spero di avervi dato un parere chiaro e genuino. Non una recensione, ci tengo a precisarlo, ma il mio personalissimo punto di vista. Grazie Matteo per le emozioni che hai saputo regalarci. Grazie davvero.

E’ giusto obbedire alla notte? Per me è stato straziante. Viaggio interiore senza anestesia. E’ giusto leggerlo.

 

Il palazzo degli specchi (Amitav Ghosh)

Ho comprato questo libro per curiosità. Ero al Salone del Libro dello scorso anno (2016) e stavo esaminando i titoli “Beat”, collana economica della Neri Pozza, che erano in offerta al 20%. Ricordo di averne scelti un paio e di avere ricevuto anche i complimenti della ragazza dello stand per la scelta. Uno di questi era proprio il libro di cui vi voglio parlare. Mi ha attirato la bellissima copertina e poi anche l’autore: non ho mai letto niente di autori Indiani, quindi era per me una scoperta, una novità. Certo, il libro non era proprio mingherlino, e infatti ne ho rimandato la lettura per diversi mesi, ma quando mi sono deciso ad affrontare le sue 640 pagine, mi sono accorto che scorrevano via lisce come l’olio!

La vicenda attraversa oltre 100 anni di storia, dalla fine del 1800 alla fine del 1900 circa, passando per due guerre mondiali, la fine di una monarchia, quella di Birmania, e l’esilio dei suoi reali per mano dei colonizzatori inglesi, e riguarda perlopiù le vicende di una famiglia, o meglio di una persona e di tutte le persone, familiari e non, che gli ruotano intorno durante la sua vita. Rajkumar, giovane garzone indiano impiegato a bordo di un sampan (una sorta di chiatta che trasporta e commercia materiale vario attraverso i fiumi di India e Birmania), sbarca durante una sosta per una riparazione del sampan e si spinge all’interno nella città di Mandalay, capitale del regno di Birmania e sede del palazzo reale, chiamato dal popolo “Palazzo degli specchi” per via degli specchi posti sui soffitti e le pareti rivestite di cristalli lucenti. Trova lavoro come garzone in un piccolo chiosco dove i locali si fermano a mangiare qualcosa in strada. E’ proprio il periodo della colonizzazione della Birmania da parte dell’esercito Inglese. Da qui in avanti ha vita una delle più straordinarie avventure che ho potuto leggere negli ultimi tempi.

Una storia di amore, passione, tragedia, rivolta, guerra, amicizia, fratellanza, dovere, gloria e morte. Tutto. Leggendo questo libro ho imparato a conoscere un angolo di mondo che conoscevo solo superficialmente, a conoscerne la storia, la geografia e le usanze. Ghosh riesce a cesellare in maniera perfetta un intricato arabesco di colori, profumi, sensazioni, che attraversa appunto un intero secolo, mettendo il lettore in condizione di percepire un mondo a lui lontano e quasi sconosciuto, come nel mio caso, in maniera chiara e del tutto naturale. Rajkumar è solo il fulcro che serve per dare il la alla storia, ma la storia vive di vita propria e ben presto vi accorgerete che non esiste un vero protagonista, ma tutti hanno lo spazio che si meritano. Incontrerete personaggi di tutti i ceti sociali, dai più poveri lavoranti delle piantagioni di caucciù, ai più abbienti mercanti, dalle donne di corte alla famiglia reale, dai diplomatici ai militari indiani e inglesi. Se avete poca memoria quando si tratta di dover “gestire” molti personaggi (come nel caso di “Cent’anni di solitudine” di Garcia Marquez, tanto per capirci), allora vi consiglio di leggere il libro e nel frattempo annotarvi su un foglio i vari nomi e parentele, altrimenti arriverete alla fine un po’ confusi su chi è parente di chi e come. Ma è solo un piccolo dettaglio, potete godervi la storia anche senza prendere appunti.

Un libro che non si dimentica, una storia che resta in mente e sono certo resterà anche nel tempo. Una lettura che consiglio a chi ama le storie familiari e i romanzi storici allo stesso tempo, perché qui si racconta davvero la storia di una nazione e del suo periodo storico più delicato forse. Ghosh da una prova di bravura invidiabile, non per altro è considerato uno dei più grandi scrittori indiani, e, per la cronaca, mi sono già procurato un altro suo titolo 😉

Buona lettura a tutti!